QUINTO APPUNTAMENTO CON LA RASSEGNA LETTERARIA “Libri Inn…Riviera”. Presentato il libro di Gigliola Reyna

Giardini Naxos. L’incontro del Salotto letterario “Libri Inn… Riviera” dell’8 Marzo, il quinto di questa prima edizione, è stato un successo annunciato. C’era da aspettarselo visto che la musa ispiratrice della kermesse, Angela Lombardo, è una instancabile pasionaria che, attraverso la propria scuola di formazione per “Operatore Olistico per il Benessere Integrato”, ha dato vita ad un progetto di grande spessore culturale e spirituale che ha come focus i grandi cambiamenti epocali, caratterizzati dal risveglio collettivo delle coscienze. La presidente dell’associazione scientifico culturale Mea Lux e, presidente regionale della S.I.A.F., ha deciso di raggiungere questo obiettivo affiancando alla scuola un salotto letterario, avente come tematiche le stesse della scuola, ma affrontate in modo divulgativo. Il salotto letterario è così una sorta di “entlagment quantistico”, dove autori e testi arrivano, per risonanza, autonomamente e quasi per “caso”, ma con un impeccabile senso logico, come se ci fosse una reciproca attrazione, per valorizzare il percorso progettuale. Il libro che ha ispirato la tematica del quinto incontro è “Madame”, presentatosi in modo “sincronico” nella giornata dedicata a tutte le “Madame” del mondo, così che Angela Lombardo ha voluto affrontare il concetto del “femminino sacro”, chiave di volta per comprendere il passaggio epocale che stiamo vivendo. Oggi più che mai in questo tempo di transizione definito “Nuova Era” o “Età dell’Oro”, le leggi universali dell’integrazione del maschile e femminile e del risveglio del Femminino sacro (La Grande Madre Cosmica) sono di grande attualità. Alle origini della storia dell’umanità la concezione religiosa primaria è stata quella del “femminino sacro”, e la cosa appare del tutto spiegabile: un genere umano formato da cacciatori-raccoglitori ha unito inconsciamente i ritmi della natura, dell’abbondanza dei doni della terra, e la magia della nascita e della vita, con le donne e il loro potere riproduttivo. E’ altamente probabile che questi “uomini naturali”, non avendo alcuna consapevolezza della propria funzione riproduttiva, vedessero tutta la magia procreatrice come prerogativa unicamente femminile e che, conseguentemente, il fascino e il mistero della vita prendessero, nella mente degli umani, una forma femminile sacralizzata. E’ questa presa di coscienza che deve aver portato allo sviluppo del mito della creazione relativo ad un antenato singolo e femminile, per tutta l’umanità e per il mondo: la Grande Madre Cosmica, su cui si è imperniato tutto un culto primario, con i suoi riti magici e sciamanici. Successivamente questo concetto sarebbe stato ribaltato, l’uomo da cacciatore diventa guerriero, soldato, re. Nascono i primi regni guidati da re che per giustificare il loro potere sugli altri uomini ne attribuiscono una derivazione divina. Ecco allora che il ruolo femminile inizia proporzionalmente a decrescere: le donne divennero, dunque, garanti della procreazione di figli, strumenti di piacere, fino a tramutarsi, in alcune culture, semplicemente in beni preziosi, servitrici dell’elemento maschile. Tuttavia sono queste pulsioni profonde, ataviche, a permettere , nonostante secoli di persecuzioni e di oscurantismo maschilista, una sopravvivenza del femminino sacro, una sopravvivenza provvidenziale perché solo la presa di coscienza di una visione antropo-religiosa non macchiata di misogenia ci può permettere, oggi come nel passato, una riappropriazione completa della nostra coscienza trascendentale e una piena armonia dell’essere umano finalmente ricomposto in unità. Con queste premesse la manifestazione dell’otto marzo non poteva non essere una serata di grande spessore culturale e spirituale. Così è stata! Il risveglio del “femminino sacro” , espressione del superamento del conflitto tra il maschile e il femminile è stato affrontato attraverso l’interpretazione della storia d’amore tra i protagonisti del libro Madame, Maria Callas ed il magnate greco Aristotele Onassis, due grandi personaggi della nostra epoca, la cui storia d’amore incarna perfettamente il conflitto tra il modo di amare femminile e quello maschile. L’autrice del libro, Gigliola Reyna, catanese, apprezzata attrice di teatro (sublime nel repertorio pirandelliano) e di cinema (la ricordiamo in alcune scene del film di Benigni Jonny Stecchino) ha così scritto un originale testo letterario e umano, pronto per essere rappresentato in teatro. La serata, caratterizzata da un parterre de rois di cultori della musica lirica e personaggi del mondo della cultura, si è svolta nelle raffinate sale dell’hotel Hilton di Giardini Naxos. Questo quinto incontro letterario ha visto protagonista anche la Fidapa di Giardini Naxos, presieduta da Maria Cannizzaro che ha organizzato la serata assieme all’Associazione Mea Lux. Tra le autorità presenti, il Sindaco del Comune di Graniti Ing. Marcello D’Amore, il presidente del Consiglio Comunale di Giardini Naxos Mario Amoroso e l’assessore ai Servizi Sociali Sandra Sanfilippo che hanno porto i saluti del Consiglio e dell’Amministrazione Comunale giardinese. L’inizio della kermesse è stato scandito dai saluti di rito delle due presidenti, che hanno illustrato rispettivamente le attività della Fidapa e gli obiettivi del Salotto letterario “Libri Inn… Riviera”. E’ stata una serata ricca di emozioni dedicata a tutte le donne che hanno vissuto un amore intenso, passionale, conflittuale, estremo e pericoloso in alcuni tratti, ed in ogni caso condizionante l’intera esistenza, come quello di Maria Callas per Aristotele Onassis. Prima dell’inizio, come è tradizione delle serate della Fidapa è stato suonato l’inno nazionale italiano, a seguire il rituale del “diario di bordo” ovvero l’apposizione della firma seguita da un breve pensiero dell’autrice del libro e degli ospiti intervenuti. Madrine del rituale Giovanna Falsone e Cettina Mazzamuto autrici di due testi presentati nelle precedenti manifestazioni. La manifestazione è entrata nel vivo con una raffinata esibizione del soprano Carmine Elisa Moschella che ha cantato “Un bel dì vedremo” della Batterflay. Nel corso della serata Elisa ha regalato al pubblico altre emozioni eseguendo altre liriche che hanno reso famosa la Callas “Habanera” della Carmen, “Vissi d’arte” della Tosca e, a conclusione della serata, “Casta diva” della Norma. Una performance suggestiva ed emozionante quella della giovane cantante lirica giardinese, tanto da suscitare, per ogni esibizione, lunghi applausi da parte del pubblico e il plauso della stessa Gigliola Reina, che ha apprezzato le elevate qualità canore, la potenza ed il raffinato timbro vocale. A dare tono alla serata con il suo interessante intervento è stato Silvio Zagari, responsabile del “Centro di Psicologia Quantistica” di Catania, il quale ha tracciato le dinamiche psicologiche della bellissima e straziante storia d’amore tra la Callas e Onassis. Zagari ha spiegato come l’innamoramento è un processo inconscio, e l’inconscio è sede delle nostre pulsioni, della programmazione genitoriale, sociale e degli archetipi. Quando uno o più di questi elementi irrompono nella nostra esperienza individuale nasce l’innamoramento. Nel disquisire sull’argomento, Zagari ha individuato le due ferite inconsce della Callas: l’essere stata umiliata e non amata dalla madre e l’essere stata separata brutalmente dal padre, primo modello ed oggetto di amore maschile. Tale ferite spingeranno la Callas a cercare costantemente un uomo in grado di colmare il suo bisogno di amore ed il suo vuoto affettivo che potesse nel contempo sostituire simbolicamente la figura del padre dal quale era stata separata. Nel delineare il profilo psicologico di Onassis individua in quest’uomo una persona guidata dal suo “emisfero sinistro” e quindi razionale, pianificatore e manipolatore, alla ricerca di una scalata sociale che passava attraverso la conquista di donne importanti. Quando le aspettative dei due personaggi si incontrano nasce l’innamoramento e la idealizzazione reciproca. Tuttavia, quando finì la fase dell’innamoramento, all’idealizzazione seguì la delusione e quindi la crisi di coppia. Ma la Callas non smise mai di amare Onassis. Il suo cuore spezzato dal dolore, dalla solitudine e dalla mancanza d’amore la porterà a morire a 53 anni di infarto. Ad accendere i riflettori sul tema e sull’affascinante protagonista della serata Gigliola Reyna, autrice di “Madame”, è l’ideatrice del salotto letterario Angela Lombardo. “Nel giorno delle donne” spiega Angela Lombardo “ho voluto assieme alla Fidapa di Giardini Naxos, che ringrazio per avere condiviso il progetto, lasciare un messaggio riproducibile all’infinito, attraverso l’evocazione di emozioni vissute da una grande protagonista della musica lirica mondiale. Perché il libro di Gigliola è stato scelto per questa serata? Perché tra le pagine del libro aleggia quel femminino sacro che è dentro ciascuno di noi, che consiste nella nostra parte intuitiva, sensibile, quasi medianica che aspira alla pace, alla serenità, all’armonia con la natura, nel superamento di quel dualismo tipico della società patriarcale e maschilista basata sul mito della violenza, delle discriminazioni, del possesso e della prevaricazione sull’universo femminile. Liberare quella divinità femminile primordiale che vive in ogni essere umano significa contribuire a preparare la via per una nuova era, dove ciascun essere umano desidera evolversi e raggiungere l’armonia interiore, premessa del risveglio della divinità insita in ciascun essere vivente. Ciò è possibile attraverso la complementarietà degli opposti: il bene e il male, cuore e ragione, guerra e pace, istinto e pulsioni, materia e spirito, buio e luce, maschile e femminile. Il libro di Gigliola trasuda di questi concetti. Quando l’ho conosciuta ho avuto una sensazione chiara, quasi visionaria: Gigliola è un’anima che è riuscita, non senza sofferenza e stupore, ad attraversare i veli di maya, dell’illusione che questa nostra realtà sia la “realtà”, e ad entrare in risonanza con lo spirito ribelle e fiero di Maria Callass, ancora vivo e desideroso di comunicarci la grande capacità di una donna di vivere l’amore, anche quando si fa estremo e pericoloso, perché sta proprio in questo estremismo totale e totalizzate il senso dell’esistenza. Solo nella forza e nel coraggio di viver l’amore in modo incondizionato l’essere umano ha l’opportunità di entrare in contatto con il divino che c’è in lui”.

In un crescendo di emozioni dettate da un palinsesto ricco di sorprese, interviene Ercole Tringale, docente di strumenti musicali nella scuola ad indirizzo musicale Giacomo Leopardi di Catania, il quale descrive le fasi che hanno caratterizzato la stesura del libro. Il docente catanese ha fatto parte dell’orchestra musicale del teatro Massimo Bellini di Catania e si occupa della composizione delle musiche della Compagnia Sicilia del Teatro Nazionale fondata da Giovanni Cutrufelli. A seguire la performance dell’attore teatrale Riccardo Carrabbino che ha recitato alcune parti del testo. Emozionante l’intervento di Gigliola Reyna, anima eterea e raffinata che con voce commossa per il turbinio di emozioni che hanno caratterizzato la serata ha raccontato l’incontro con la Callas avvenuto da bambina nel camerino della diva al Teatro Massimo Bellini di Catania. Un ricordo indelebile di una donna bellissima che tuttavia, con lo sguardo, faceva trasparire un velo di tristezza. “La Callas, meravigliata perché una bambina avesse assistito ad una opera lirica” racconta Gigliola “accarezzandomi mi disse -magari un giorno diventerai una cantante lirica famosa….”. Un incontro fatale, che non ha mai dimenticato e che, a distanza di tempo, ha ispirato l’autrice a scrivere l’originale testo dedicato alla diva dallo sguardo triste. A sottolineare magistralmente l’eredità di quell’incontro, che ha caratterizzato l’originalità del libro dell’attrice catanese, è stato nella sua autorevole postfazione Cesare Orselli, musicologo di fama mondiale, il quale tra l’altro ha scritto: “nei tre atti di cui si compone il lavoro, l’autrice rende omaggio ad una “visione” indelebile della sua infanzia ed al suo primo incontro con l’opera lirica. Siamo tuttavia in presenza di una pièce in cui il mondo dell’opera vive in un sottofondo soft, per lasciare spazio ad una vicenda fortemente e dolorosamente umana, narrata con un linguaggio dai toni incisivi e pungenti, ma colloquiali”. A fine intervento l’attrice catanese (nel ruolo della Callas) ed Ercole Tringale (in quello di Onassis) hanno recitato alcune scene tratte dal libro, dando ulteriore pregio alla serata già ricca di emozioni. Un lungo applauso del pubblico ha sottolineato il gradimento della straordinaria performance dei due attori. A conclusione della serata Angela Lombardo, dopo aver omaggiato assieme alla presidente della Fidapa Maria Cannizzaro con un bouquet di mimose Gigliola Reyna e il soprano Elisa Moschella, ha invitato sul palco per un breve intervento Elviro Langella, autore di un testo sull’Arte Sacra, che sarà il protagonista del prossimo incontro, il sesto del salotto letterario “Libri Inn… Riviera”.
ROSARIO  MESSINA



Mostra commenti (0)

This is a unique website which will require a more modern browser to work! Please upgrade today!